Domande & Risposte

Tutte le classiche domande più frequenti e più classiche (e, parliamoci chiaro…che abbiamo fatto tutti) raccolte in un unico compendium !

Buona lettura.

Cordino

Quanto deve essere lungo il cordino?

Il cordino va regolato in base all’altezza del giocatore. In generale un cordino dovrebbe andare dall’ombelico fino al pavimento. Questo serve principalmente per i bambini e le persone di bassa stature, per permettere loro di giocare “comodi” (senza dover tenere le mani troppo in alto per non far sbattere lo yoyo in terra) ed avere sufficiente lunghezza del cordino per i tricks più complessi. Se la lunghezza del cordino è minore, non avrai di questi problemi, lo yoyo però sarà più rapido nei movimenti.

Con il tempo troverai la tua lunghezza preferita, ma comunque ci si abitua facilmente a giocare con cordini di tutte le lunghezze.

Ogni quanto devo cambiare il cordino?

Più lo usi, più il cordino si usura e si sporca, diventando debole, sfilacciato e meno ”morbido”; le cause possono essere varie: mani sudaticce, unto, polvere, le costine che hai appena mangiato, ecc.

Tutto ciò cambia il modo in cui il cordino gioca e lo renderà più incline a rompersi. Alcuni giocatori cambiano i cordini dopo poche ore di gioco.. se non addirittura pochi minuti!

Come regola generale il cordino andrebbe cambiato appena comincia ad essere sfilacciato o “stancho”; te ne accorgi perché sarà incline ad arricciarsi più spesso e ti renderà il gioco più difficoltoso.

Come cambio il cordino allo yo-yo?

In generale sarebbe meglio non svitare le coppe dello yo-yo ogni volta che si deve cambiare il cordino. Questo per evitare inutili sollecitazioni all’asse, sporcizia al cuscinetto e danneggiamenti vari dovuti ad un cattivo modo di riavvitarle.

Il metodo migliore è quello di “svitare il cordino” ed estrarlo dallo yoyo. Come procedere è ben spiegato in questo video.

Come mai il cordino si aggroviglia? Cosa posso fare?


Se il cordino ti si riduce come nella foto è a causa del fatto che è diventato troppo attorcigliato (stretto). Durante il gioco i frequenti lanci tendono a far diventare il cordino più stretto o più lasco.

Per slegare questo ritorto groviglio, puoi semplicemente lasciare lo yoyo girare liberamente lasciandolo penzolare dalla tua mano. Lo yo-yo ruoterà, ed il cordino si storciglierà fino a tornare in uno stato ”neutro”, fino a non ruotare del tutto.

Per accelerare questo processo puoi togliere il cordino dal dito e, tenendo lo yoyo, farlo svolgere.

Questa è un’operazione che ti troverai a fare piuttosto spesso fino a che non avrai imparato alcuni trick che ti possono aiutare a a stringere o a lascare molto velocemente il cordino. Ecco alcuni esempi che ti possono aiutare a riportare in fretta il cordino in condizioni ottimali di tensione:

  • UFO
  • Sidewinder
  • Bobina (by Siminitto)
  • Bobina “al volo” (by Ceschi)

Il cordino mi segna il dito, come posso fare?


Se mentre giochi il dito dove hai legato il cordino ti fa male, è normale. Dopo che ci darai dentro un po’ con lo yo-yo un calletto ti si formerà attorno al dito medio e non avrai più problemi.

Fino a quel momento puoi pensare di usare un cerotto o del film 3M per usi sportivi (lo trovi in farmacia, lo usano ad esempio i pallavolisti).

Cuscinetto

Devo oliarlo? Con cosa? Quando?

Contrariamente a quanto si potrebbe credere, oliare un cuscinetto non lo rende più veloce, anzi. A seconda del tipo di lubrificante utilizzato e sopratutto della sua viscosità, si rischia di renderlo estremamente reattivo se non addirittura a bloccarlo quasi del tutto.

L’oliatura viene consigliata in tre casi:

  1. Quando si pensa di mettere a riposo lo yo-yo per un bel po’ di tempo, quindi per evitare ossidazioni del cuscinetto
  2. Per rendere il cuscinetto più reattivo
  3. Dopo una pulizia aggressiva del cuscinetto (“sbenzinatura”), per renderlo meno “secco” e meno rumoroso; in questo caso deve essere un’oliatura molto leggera, ad esempio con l’olio per macchine da cuire.

In commercio ci sono degli oli, prodotti ad esempio da YoYoJam, pensati sia per il caso 2. (Thick Lube) che per il caso 3. (Thin Lube)

Cosa vuol dire sbenzinare?

Procedimento di manutenzione del cuscinetto a sfere col quale si rimuove il grasso lubrificante messo in fabbrica all’interno del cuscinetto, immergendo il cuscinetto in un bagno di benzina per smacchiare (la Avio) o benzina per accendini (ad esempio la Zippo).

Successivamente alla sbenzinatura, il cuscinetto va messo sulla punta di una matita e va fatto girare  per controllare l’effettiva riuscita dell’operazione. Se il cuscinetto risulta pulito, è meno rumoroso e gira di più, l’operazione è andata a buon fine. In caso contrario si può procedere con un altro “lavaggio”. Possono capitare casi estremi in cui il cuscinetto versa in pessime condizioni; si procederà quindi col ripetere l’operazione di sbenzinatura finché non genererà benefici. Se dopo numerose ripetizioni la situazione non sarà cambiata, rivolgersi ad un esperto!

I più attrezzati possono usare anche un utensile rotante (tipo trapano o Dremel) e far girare il cuscinetto affinché si asciughi ed elimini eventuali residui.

ATTENZIONE: l’operazione di sbenzinatura permette al cuscinetto di girare più velocemente, ma, eliminando le sostanze viscose dall’interno del cuscinetto, lo potrebbe esporre maggiormente al rischio di grippaggio!

Fino a qualche anno fa era un’operazione praticamente obbligatoria, ogni qual volta che si acquistava uno yoyo. Negli ultimi anni i produttori ci vendono yoyo con cuscinetti già puliti e pronti per il gioco, rendendoci la vita molto più semplice.

Questa guida ti spiega nel dettaglio come fare a “sbenzinare” il tuo cuscinetto.

Gioco

Il mio sleeper dura poco, cosa posso fare?

“L’allenamento rende perfetti”! Ecco tutto.

Più il tuo lancio è dritto, preciso e “pulito” più il tuo sleeper durerà. L’unico modo per lanciare forte e preciso è l’allenamento.

Certo, migliore è lo yo-yo, più largo è lo spazio tra una coppa e l’altra e più tecnologico è il cuscinetto e il tempo di sleep tende ad allungarsi. Come più a lungo dura un cuscinetto ben pulito e “sbenzinato”.

Ma, come tutti qui abbiamo avuto modo di imparare sulla pelle, sta davvero tutto nel ”manico”, nell’abilità dello yoer.

Quindi niente dritte, segreti, scorciatoie o parole magiche.

Se vuoi uno sleep migliore:

ALLENATI !!!

Perchè lo yo-yo quando è il sleeper  pende da una parte?


È una lamentela molto comune e nel 99% dei casi il problema non risiede nello yo-yo, nel cuscinetto o nel cordino, ma nel giocatore.

Quando lanci uno yo-yo (nel senso che lo mandi in sleeper) se non lo fai nella maniera più pulita e perfetta, spesso lui continuerà a girare da verso una parte. La forza giroscopica gli farà mantenere quella posizione.

Persino gli yoer con più esperienza possono arrivare a pensare che il loro nuovo yo-yo top quality in titanio zinco talcato e lavorato a mano sia non ben bilanciato a causa di lanci fatti male.

Per verificare che sia davvero lo yo-yo il problema:

  1. Fallo lanciare da un altro giocatore e guarda se va giù storto pure a lui
  2. Fai caso se pende sempre dalla stessa parte. Se lo fa, ci potrebbe essere qualche sospetto
  3. Controlla che le coppe siano ben avvitate
  4. ALLENATI a lanciare sempre meglio!!!

Cos’è il Bind? Quando dovrei utilizzarlo?

Il Bind o Binding è una tecnica utilizzata per far ritornare gli yo-yo definiti “non reattivi”.

Per eseguire un “bind” si introduce volontariamente un po’ di cordino attorno al cuscinetto per aumentare l’attrito tra le pareti dello yo-yo ed il cordino stesso, facendolo tornare.

I moderni yo-yo non reattivi cosiddetti della “new school”, ed in particolare quelli in metallo, sono costruiti proprio per non essere affatto reattivi cosicché potranno sleeppare per lungo tempo e sono proprio progettati per NON tornare verso la mano del lanciatore se non utilizzando un bind.

Il Bind è un vero e proprio trick e deve essere imparato, visto che altrimenti risulterebbe impossibile utilizzare uno degli yo-yo più avanzati, e non è un trick che un neofita può imparare da subito.

Ci sono diverse tecniche di Bind, brillantemente illustrate in questo video.

ATTENZIONE: Non ha alcun senso effettuare o cercare di imparare il bind con yoyo reattivi!!! Il bind è una tecnica inventata apposta per gli yoyo NON reattivi! Il rischio è quello di incappare ripetutamente in nodi indesiderati o “a tradimento” (attenti quindi a non farvi male)! C’è anche il rischio di montarsi un po’ la testa pensando di avere (erroneamente) imparato il bind, ma questo è comunque meno rischioso!

Alcuni giocatori usano delle specie di guantini, cosa sono?

Duncan Gloves
I guanti a tre dita vengono utilizzati dai quei giocatori che hanno problemi di sudorazione dei palmi e/o che trovano particolarmente fastidiosi o dolorosi alcuni passaggi molto veloci effettuati con cordini in polyestere o nylon perché possono provocare piccole bruciature.

Ad ogni modo, se senti la necessità di utilizzare il guantino (e sei disposto a rinunciare ad avere necessariamente quello della Duncan), puoi trovare dei guanti “tre dita” nei negozi che vendono articoli per il biliardo (in effetti, la destinazione originale di questi guanti era proprio il biliardo), così hai la possibilità di provarli e trovare la tua misura.

Un’alternativa al guanto “tre dita” sono i guanti in cotone o lycra o elastan che si trovano nei negozi di articoli sportivi (di solito sono “sottoguanti” o guanti “da jogging”), oppure dei guanti in cotone recuperabili nelle mercerie.

Il guantino aiuta ad effettuare la tecnica chiamata Grind, dove lo yoyo viene tenuto in equilibrio sul dito mentre sta ruotando.

di Adso Da Melk

aggiornato da Yoyomaniacs